Il turismo nello Stato della Costa d'Avorio

Turismo in Costa d'Avorio

Per la sua storia così recente, la cultura e le tradizioni della Costa d'Avorio affondano le proprie radici in un tempo non molto lontano dal nostro. Probabilmente, è anche questo il motivo per cui le tradizioni di ogni singolo popolo non hanno ancora potuto fondersi fino a creare un'unica cultura su tutto il territorio del paese. Ma anche questo può essere considerato un vantaggio in quanto, ogni etnia ha conservato, in gran parte, la propria identità originaria.

Possiamo quindi dire che il folklore locale sia particolarmente ricco e variegato, ma con denominatori comuni a tutte le tradizioni quali la danza e la musica.
Ogni villaggio ha le proprie tradizioni e le proprie feste che scandiscono il tempo della popolazione locale.
Tra le feste più famose della Costa d'Avorio però possiamo ricordare le Fetes des Masques (feste delle maschere) ambientate nei villaggi della regione di Mannel mese di febbraio ed il carnevale di Bouaké. Probabilmente però la festività più spettacolare a cui assistere è la Fete du Dipri, a Gomon. La festa inizia prima dell'alba quando, alla presenza del capo del villaggio, i tamburi iniziano a suonare e subito gli abitanti del villaggio, danzando, cadono in una specie di trance; durante la notte donne e bambini si aggirano per le case del villaggio completando i riti notturni con lo scopo di scacciare gli spiriti maligni. Il termine della festa avviene il pomeriggio successivo.

Un'occasione che riunisce tutti i villaggi sotto un'unica tradizione è la festa nazionale che ha come data il 7 dicembre.

Oltre alle festività ad al ricchissimo folklore, ad attirare maggiormente i turisti sono i grandi parchi naturali in cui la natura dell'entroterra della Costa d'Avorio può essere visitata, magari con l'accompagnamento di una guida del posto, da chiunque voglia godere della vista dei suoi luoghi selvaggi e incontaminati. Bufali, primati di vario genere, antilopi, gazzelle, zebre ed elefanti popolano questi luoghi così particolari e diversi da quelli che siamo abituati vedere.
La flora della Costa d'Avorio poi, può vantare al proprio interno la presenza di ben 200 specie di piante diverse. Ma lo stesso paesaggio può offrire esperienze e spettacoli decisamente superbi di cui alte cascate, ripidi rilievi e ponti di liane ne sono testimoni.

Sarà interessante visitare anche qualche piccolo villaggio specie del nord-ovest del paese; qui il popolo dai Dan, molto legato al culto della terra, vive in piccoli villaggi che, costruiti con maestria ed attenzione, sono abbarbicati sulle montagne in un'ottima posizione difensiva.

Altra grande attrattiva della Costa d'Avorio è il litorale: nella parte più vicina al Golfo di Guinea infatti la costa è caratterizzata da lunghe spiagge di sabbia fine ed una vasta laguna, separata dal mare da una sottile striscia di terra, costituisce un piano navigabile per oltre 300km in senso longitudinale. Ad ovest della costa si trova un antico centro commerciale, dal nome Grand Lahou, oggi particolarmente ricco di una grande varietà di attività; qui gli amanti della pesca potranno dedicarsi al proprio hobby preferito sia in mare che in laguna, mentre chi preferisce altre attività  potrà avventurarsi alla scoperta delle meraviglia del lago sacro e dell'isola degli scimpanzè. In fine, le città di Sassandra e San Pedro potranno offrire ai visitatori alcuni dei più bei luoghi della Costa d'Avorio.